IL COVID-19 STOPPA ANCHE IL POKER

4 Marzo 2020 Pubblicato da Lascia il tuo commento

POKER CONTAGIATO

Ieri abbiamo parlato dei casinò; ma anche i tornei internazionali di Poker stanno soffrendo l’evoluzione del Coronavirus, con rinvii e sospensioni. Il Coronavirus sta cambiando il calendario del poker live dalle nostre parti, e non solo. Dopo l’Asia, ormai da settimane anche l’Europa è alle prese coi casi di Covid-19 e con tutte le spiacevoli conseguenze. Il settore del poker, ovviamente, non è risparmiato. Basta considerare anche solo che durante un grande torneo internazionale di poker si possono ritrovare centinaia di appassionati da varie nazioni di ogni angolo del mondo.

DIVIETI E RINVII CAUSA COVID-19

Una delle misure di precauzione più drastica è la chiusura degli edifici e delle sale pokeristiche in tutta Europa. D’altronde avere in una sala tante persone che provengono da diverse parti del mondo, che stanno comunque a contatto, che si passano e spassano le chips di continuo, non è proprio il massimo di questi tempi. Partiamo ad esempio dal “Perla” di Nova Gorica, in Slovenia, dove c’è stata qualche modifica, ma a marzo gli eventi sono confermati e gli organizzatori invitano alla calma e tranquillità, alla fiducia nei controlli.

ITALIANI FERMATI

Non è dello stesso avviso il “King’s” di Rozvadov, siamo in Repubblica Ceca. La scorsa settimana un comunicato della location ha di fatto estromesso tutti i clienti italiani dai tornei per i prossimi due mesi. Sono stati annullati anche tutti gli eventi pensati sostanzialmente per la clientela del Belpaese. Insomma, un bel disagio.  Tutto questo è conseguenza di alcuni casi di contagio a Praga, la capitale. Tutto dovrebbe tornare alla normalità al King’s a partire dal primo di maggio. Parliamo, però, del Coronavirus, dunque l’uso del condizionale è d’obbligo, visti gli ultimi sviluppi.

I disagi potete comprenderli: gente del nostro Paese già partita per Rozvadov, costretta a rientrare, anche perché nessun hotel affitta camere a quanto pare agli italiani.

Praticamente la decisione è stata presa alla vigilia del World Series of Poker Circuit con oltre 3 milioni di euro garantiti. Da solo il Main Event metterà in palio 1 milione garantito. I quindici anelli in palio sicuramente non andranno a un italiano, dunque.

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *