IL RESTAURO DEL CASINO’ DI COSTANZA

20 Gennaio 2020 Pubblicato da Lascia il tuo commento

UN PROGETTO DI RESTAURO

In Romania, sulle coste del Mar Nero, splende un antico palazzo che ospita il casino di Costanza: è in programma un bel restauro. Già, perché ormai da anni questo meraviglioso palazzo è un po’ abbandonato a sé stesso, e il progetto prevede un recupero della “Montecarlo rumena”. Si tratta di un lavoro lungo più di due anni che è già in cantiere, visto che cinque giorni fa gli addetti ai lavori si sono seduti al tavolo per la progettazione. Entriamo nei dettagli.

UN PALAZZO STORICO

Il casino’ di Costanza, città portuale da oltre 300.000 abitanti, è uno degli esempi più significativi dell’art nouveau della terra di Dracula, ma anche in tutto il Vecchio Continente. La preparazione di questi giorni prevede un progetto che miri al consolidamento e al restauro di questo vero e proprio monumento storico.  Lo scorso 15 gennaio sono, appunto, iniziate le iniziative che riguardano l’organizzazione di tutto quello che circonderà questo restauro.

L’INIZIO DEI LAVORI AL CASINO’ DI COSTANZA

Ancora non c’è una data ufficiale a proposito dell’inizio dei lavori del casino’ di Costanza, ma si stima che si possano iniziare il prossimo aprile, e che possano terminare a luglio 2022: oltre due anni di lavori dunque, si parla di ventisette mesi. Queste date vengono fuori dalle dichiarazioni di Decebal Fagadau, il sindaco di Costanza, ma ripetiamo non è ancora un’ufficialità.

UN MONUMENTO DI RIFERIMENTO

Il casino’ di Costanza è proprio da recuperare. Due anni fa alcune riviste che si occupano di storia e di operte d’arte avevano incluco questo edificio tra quelli più a rischio di andare in rovina di tutta Europa. È una costruzione ultracentenaria, visto che fu “inaugurata” nel 1910. Diventò praticamente fin da subito un emblema delle coste del Mar Nero, un vero simbolo e punto di riferimento. Come detto prima, tra l’altro, è molto significativo il soprannome di “Montecarlo rumena”. Superfluo dire che all’epoca i benestanti e ricchi del momento erano clienti abituali di questa costruzione lussuosa.

UNA VERA E PROPRIA OPERA D’ARTE DA RECUPERARE

L’organizzazione dei lavori e di tutto ciò che li circonda, ha fatto sapere che Daniel Rènard, l’architetto romeno di origini svizzere che ha curato la progettazione dell’edificio, ha puntato fortemente su una egregia espressione dell’art nouveau, come detto anche sopra, e ha voluto far rispecchiare in questo edificio tutta la nuova arte che c’era in Romania durante il regno di Carlo I.  Insomma, dal 2000 ad oggi il casino’ di Costanza è stato certamente trascurato e non curato, e “l’invecchiamento” è sotto gli occhi di tutti in ogni angolo della struttura, ma ormai è tutto pronto per far risplendere un vero gioiello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *